Hotel a Sorrento in primavera

Vuoi trascorrere un weekend di primavera di relax? Le destinazioni a basso costo non mancano soprattutto a livello nazionale, la vera tendenza di quest’anno a causa della crisi. Sorrento, splendida cittadina famosa per i suoi panorami sul golfo di Napoli, per la sua storia e la sua cultura e perchè no, per i suoi incantevoli profumi, vive un inaspettato boom di presenze turistiche italiane.

Le strutture turistiche di Sorrento sono davvero tantissime e per tutte le tasche, ed esistono hotel 3 stelle a sorrento con tutte le carte in regola per consentirvi di trascorrere una vacanza low cost senza rinunciare a nessun comfort.

L’Hotel City, 3 stelle ha la caratteristica principe di essere a circa 50 metri dalla piazza tasso, la piazza principale di Sorrento, nelle immediate vicinanze dell’hotel c’è davvero tutto, da ristoranti, bar, cinema fino ai magnifici vicoli del centro storico con le loro botteghe tipiche.

Maggiori informazioni qui SorrentoCity.com

Pubblicato in Info Alberghi | Commenti disabilitati

Escursione nel Parco nazionale della Maiella

L’Associazione “Trekking e non solo” di San Giovanni in Marignano e Cattolica propone l’escursione nel Parco Nazionale della Maiella, alla scoperta del fascino degli eremi e la bellezza della natura di questo fantastico Parco. L’escursione avrà luogo da Mercoledì 31 ottobre a Domenica 4 novembre.

MERCOLEDÌ 31.10.07
Partenza alle ore 13,30 da San Giovanni in M. e da Rimini (via Caduti di Marzabotto) alle ore 14,00. Arrivo a Caramanico Terme e sistemazione all’hotel EDE nelle stanze a noi assegnate. Cena e pernottamento.

GIOVEDÌ 01.11.2007
Dopo la colazione (ore 08.30 circa) partenza in pullman per Decontra da dove inizierà la nostra escursione: “Decontra – Eremo S. Bartolomeo – Macchia Abbateggio – Eremo S. Spirito”. L’eremo di S. Bartolomeo in Legio è il più famoso di tutti gli eremi che sono ancora presenti nel Parco della Maiella; situato in uno scenario arido, in un costone roccioso incuneato nell’aspro vallone di S. Spirito, un vero e proprio canyon, è uno dei pochi a poter vantare una continuità di devozione popolare legata ad una rozza statua in legno raffigurante appunto San Bartolomeo cui vengono attribuiti poteri taumaturgici. L’eremo è stato costruito prima dell’anno Mille ed è accessibile attraverso una scala scavata nella roccia, la Scala Santa, che porta ad una balconata rocciosa. L’eremo di S. Spirito risale anch’esso a prima dell’anno Mille ed è certo che vi dimorò anche il Papa Vittore III, ma fu Pietro da Morrone che nel XIII secolo riscoperse il luogo; lo fece ristrutturare vivendo nello stesso con alcuni eremiti.
Tempo di percorrenza: 6 ore circa. – Dislivello 430 m. in salita e 430 m. in discesa. Pranzo al sacco con cestino fornito dall’hotel.
Al termine rientro a Caramanico per la cena ed il pernottamento in albergo.

VENERDÌ 02.11.2007
Dopo la colazione in hotel (ore 08.30 circa), ci trasferiamo in pullman a Roccacaramarico per iniziare la nostra seconda escursione: “Roccacaramanico – Colle Capoposto – M. Morrone – Laccio della Madonna”. Le montagne del Morrone sono un massiccio calcareo molto compatto, sulla cui sommità si trovano le cime principali del gruppo (Monte Morrone, 2061 m; Monte Rotondo, 1731 m; Monte Corvo 1128 m), che costituiscono una riserva naturale protetta. Su una terrazza del monte Morrone si trovano i resti della presunta villa di Ovidio presso la Badia Morronese del XIII secolo. Sul Monte Morrone si trovano anche due caverne che costituirono gli eremi del santo Pietro da Morrone, che si ritirò in eremitaggio nel 1239.
Tempo di percorrenza: 7 ore circa. – Dislivello 980 m. in salita e 980 m. in discesa. Pranzo al sacco con cestino fornito dall’hotel.
Nel tardo pomeriggio rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

SABATO 03.11.2007
Dopo la colazione in hotel (ore 08.00 circa), trasferimento in pullman a Passo S. Leonardo, centro di una piccola stazione sciistica a 1282 m. di quota. Da qui la nostra escursione di oggi ci porterà a Campo di Giove passando per Fonte Romana e gli Stazzi di Fondo Maiella. Situato ai piedi della catena della Maiella, Campo di Giove è uno dei paesi più belli e visitati del centro Italia. Il caratteristico e ridente suo profilo si staglia in mezzo al verde, mentre l’inconfondibile Maiella vigila alle sua spalle: paese, monti e boschi costituiscono uno spettacolo indimenticabile.
Tempo di percorrenza: 5 ore e ½ circa. – Dislivello 600 m. in salita e 770 m. in discesa. Pranzo al sacco con cestino fornito dall’hotel.
Rientro a Caramanico, cena e pernottamento. Serata in compagnia

DOMENICA 04.11.2007
Dopo la colazione e carico bagagli sul pullman, partenza con destinazione Salle da dove parte la nostra ultima escursione “Salle – Gole Orta – Musellaro – Bolognano – Abbazia S. Clemente a Casauria”. L’abbazia di S. Clemente a Casauria, situata nel comune di Castiglione a Casauria, fu costruita per volere di Ludovico II nell’871, pronipote di Carlo Magno, per sciogliere un voto fatto durante la sua prigionia nel ducato di Benevento. Nell’872 si trasportarono qui le reliquie di S. Clemente. Dopo diverse traversie, l’abbazia fu riedificata nelle forme attuali ad opera dell’abate Leonate tra il 1176 ed il 1182. In qull’epoca l’abbazia raggiunse una fama ed una prosperità maggiori di Montecassino, tanto che il suo chronicon casaurinese è considerato uno dei principali documenti della storia d’Italia.

Tempo di percorrenza 4 ore circa. – Dislivello 180 m. in salita e 380 m. in discesa.
Al termine pranzo in ristorante nei dintorni. Verso le ore 16.30 circa partenza per il viaggio di ritorno.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: la quota di partecipazione è di euro 405,00 e comprende: viaggio in pullman, vitto ed alloggio autista, guida per tutte le escursioni, vitto ed alloggio guida, sistemazione in hotel 3*** con trattamento di 3 pensioni complete ed una mezza con cestino per il pranzo e bevande ai pasti, pranzo in ristorante con bevande comprese, assicurazione da viaggio.

LA QUOTA NON COMPRENDE: la cena dell’ultimo giorno, mance, extra in generale e personali e quanto non elencato nella quota comprende.

Per informazioni e prenotazioni: Emanuela 0541*957279, 333*4964314, 338*4604238 – e-mail: vamase56@alice.it

Organizzazione Tecnica “MARENOSTRUM TOURS” – MORCIANO DI ROMAGNA – TEL. 0541 987550 FAX 0541 987158 – MAIL: maren@hi-net.it

Scoprite altre escursioni di trekking e nordic walking a Cattolica

Pubblicato in Info Alberghi | Commenti disabilitati

Lavorare nel catering

Riportiamo il testo della newsletter di www.eurocultura.it perché riteniamo che le informazioni qui contenute sulle possibilità di lavoro nel catering siano interessanti.

Il principio su cui si fonda il catering è la fornitura di pietanze e bevande (non necessariamente pasti completi) in luoghi diversi da quelli in cui sono state cucinate e per un numero elevato di persone.

Negli ultimi vent’anni, in Germania come dappertutto, il catering ha avuto uno sviluppo impressionante: ha risposto alla già sperimentata esigenza di pasti fuori casa da parte di studenti (mense scolastiche), lavoratori (mense aziendali), viaggiatori (treni, aerei), ma anche alle mutate necessità nelle occasioni professionali, familiari, sociali, ecc. Così vediamo ora il catering coinvolto in feste di famiglia (matrimoni, ricorrenze), in pranzi di lavoro, in ricevimenti pubblici.

Si sono perciò moltiplicate le ditte che forniscono questo servizio e si sono anche differenziate per le offerte aggiuntive: oggi si trovano ditte che, oltre alla fornitura delle pietanze, si occupano anche dell’affitto dei luoghi in cui allestire i tavoli come parchi, palazzi storici, ville e castelli. Alcune sono in grado di procurare anche tende e gazebo climatizzati, toilette chimiche, spettacoli di animazione, servizi fotografici: insomma qualsiasi cosa il cliente richieda.

Tutto questo comporta la creazione di posti di lavoro e non solo per i classici cuochi, camerieri e altro personale di cucina e di sala. Servono anche direttori di sala negli eventi più affollati e impegnativi; autisti per il trasporto del cibo e delle attrezzature; architetti per la progettazione, l’utilizzo e la decorazione degli spazi; montatori, elettricisti e idraulici per la climatizzazione e le toilette.

Un buon numero di posti è disponibile solo per personale specializzato come cuochi, dietisti e amministrativi. Molti altri, però, sono adatti anche a chi non ha nessuna specializzazione: chi pulisce le verdure, chi confeziona i vassoi, i lavapiatti, chi fa le pulizie prima e dopo i ricevimenti, ecc. Per tutti costoro è sufficiente un breve periodo di formazione, che può durare alcune ore o pochi giorni.

Il catering è un settore interessante anche per chi non può impegnarsi per giornate intere. Visto che ci sono molte possibilità di lavoro part-time (al mattino dalle 6.00 alle 12.00, il pomeriggio dalle 16.00 alle 20.00, ecc.), può essere abbinato facilmente ad un corso di lingua.

Di seguito gli indirizzi di alcune imprese di catering in Germania. Visitando i rispettivi siti Internet, ci si può rendere conto del genere di personale a cui possono essere interessate. Per i posti di qualifica elevata si può inviare la candidatura (in tedesco) dall’Italia, ma per tutti gli altri occorre presentarsi di persona.

La soluzione più pratica è quella di rivolgersi alla ZAV (Ufficio pubblico di collocamento) o ad una agenzia privata di selezione.

AAJ Partyservice
Kaiser-Wilhelm-Str. 31
DE-12247 Berlino
tel.: 0044 (0)30 84370420
www.aaj-partyservice.de
Offre buffet semplici, ma anche completi con piatti di carne, pesce, dolci, ecc.

Alles aus einer Hand Luisenhof Catering GmbH
Provinzstr. 34
DE-13409 Berlino
tel.: 0044 (0)30 45081930
fax: 0044 (0)30 45081931
kontakt@luisenhof-catering.de
www.luisenhof-catering.de
Giro del mondo con menù etnici: classico, nordico, sudafricano, orientale, italiano, ecc. Nella sezione “Kariere” sul sito si trovano anche offerte di stage.

Art of Catering – Van de Saat
Berliner Str. 3A
DE-13127 Berlino
tel.: 0044 (0)30 47530500
fax: 0044 (0)30 47530520
www.vandesaat.de
Usa solo materie prime fresche e senza conservanti. Offre anche piatti alla moda e ambientazione a scelta.

Nostimo Catering
Eckenheimer Landstr. 24
DE-260431 Francoforte
tel.: 0044 (0)69 95504865
fax: 0044 (0)69 95504869
info@nostimo.de
www.nostimo.de
Si occupa di catering per pranzi d’affari, eventi, fiere, ecc.

Bumb’s Junior Finest Catering
Taunustor 2
DE-60311 Francoforte
tel.: 0044 (0)69 954400-0
fax: 0044 (0)69 954400 – 90
www.bumbs-junior.de
Catering di alta qualità.

barts BAR & ARTS
Boschstr. 7
DE-82178 Puchheim (Monaco)
tel.: 0044 (0)89 38547560
fax: 0044 (0)89 38 54 75 61
info@barts-muc.de
www.barts-muc.de
Vanta forniture per eventi promossi da grandi imprese della moda, dell’industria automobilistica, ecc.

C.S.M. Catering Service München
Römerstr. 17
DE-82205 Gilching (Monaco)
tel.: 0044 (0)89 3241077
c-s-m@usa.net
www.catering-service-muenchen.de
Offre dai pasti completi ai semplici cocktail di benvenuto.

Andrea Beyer Veranstaltungsorganisation
Potts Kamp 8
DE-31515 Wunstorf (Hannover)
tel.: 0044 (0)5031 6633
info@tentforevent.de
www.tentforevent.de
Disponibile per feste di tutte le dimensioni come compleanni, matrimoni, celebrazioni industriali, ecc. Fornisce anche gazebo da giardino, toilette chimiche, tende climatizzate, ecc.

AllerBest Catering & Partyservice GmbH
Am Lindenhofe 23
DE-30519 Hannover
tel.: 0044 (0)511 600 48 48
fax: 0044 (0)511 600 48 47
info@allerbest-catering.de
www.allerbest-catering.de
Catering di alta qualità.

Concept Veranstaltungs Service GmbH
Spaldingstr. 41
DE-20097 Amburgo
tel.: 0044 (0)40 23808440
info@concept-veranstaltungsservice.de
www.concept-veranstaltungsservice.de
Opera direttamente nelle regioni di Amburgo, Schleswig Holstein e Bassa Sassonia.

Maison van den Boer Deutschland GmbH
PersonalabteilungAusschläger
Elbdeich 127
DE-20539 Amburgo
tel.: 0044 (0)40 780877-77
iris.kohlmorgen@maisonvandenboer.com
www.maisonvandenboer.de
Una delle ditte di catering più antiche della Germania.

A tavola
Grafenmühlenweg 1
DE-51069 Colonia
tel.: 0044 (0)221 9687080
fax: 0044 (0)221 6804747
info@atavola-koeln.de
www.atavola-koeln.de
Catering dal gusto mediterraneo.

www.arbeitsagentur.de
ZAV (Ufficio pubblico di collocamento).

www.bpv-info.de
Associazione delle agenzie di reclutamento. Sul sito è disponibile una banca dati con le informazioni su tutti i 1100 membri.

www.rekruter.de
Banca dati con informazioni su oltre 1000 agenzie di reclutamento.

Pubblicato in Info Alberghi | Commenti disabilitati

Castagnata e vin brulé insieme alla GAR

La GAR, Guide Appennino romagnolo, organizza una castagnata e vin brulé a Rimini per presentare i nuovi appuntamenti di trekking.
L’incontro è per Venerdì 12 ottobre alle 20:30/21:00 presso la sala comunale in Via del Lupo, 3 a Rimini (zona Grotta Rossa). La partecipazione è assolutamente gratuita. Una conferma è utile per meglio organizzare.

Il link per informazioni “tecniche” è il seguente:

http://www.guidegar.it/pdf/e121007.pdf

Pubblicato in Rimini | Commenti disabilitati

Scoperti reperti archeologici a Cattolica!

Con questa breve comunicazione a nome del Sindaco e della Giunta ho il piacere di aggiornare il Consiglio Comunale in merito al rinvenimento dei reperti archeologici di eccezionale importanza per la nostra Città, trovati nell’area di cantiere del Centro Video Gioco Sport.

La Sovrintendenza ai beni archeologici di Bologna ha inviato martedì 25 settembre l’archeologa Dott.ssa Monica Miari, la quale ha visionato i reperti definendoli eccezionali e sensazionali, da attribuirsi senza dubbio alle popolazioni che abitavano in riva all’Adriatico nel VI secolo a.C..

Si tratta di due pezzi di materiale lapideo decorati su entrambi i lati. Su un lato di uno di questi è rappresentata una barca e vi sono altri elementi decorativi che verranno meglio identificati dai restauratori della Sovrintendenza di Bologna. Altri esempi di questo genere di stele funeraria decorata sono state rinvenute a Novilara, a Manfredonia e nella piana di Foggia.
La stessa Archeologa ha ispezionato l’area in cui i reperti sono stati rinvenuti. La Sovrintendenza di Bologna provvederà pertanto a ritirare tutto il materiale per la sua pulitura, restauro e consolidamento e in seguito lo restituirà alla nostra Città per essere esposto nel Museo ove potrà essere apprezzato da tutti.

Ringrazio volentieri la prof. Maria Lucia De Nicolò, il Prof. Lorenzo Braccasi e la Dott.ssa Cristina Ravara i quali, chiamati sul posto dalle persone che hanno visto per prime il materiale lapideo, ne hanno compreso immediatamente l’importanza.
A breve una ditta specializzata indicata dalla Soprintendenza e guidata dalla Dott.ssa Miari provvederà a vagliare il terreno circostante il punto di ritrovamento per verificare se esistano altri reperti o ulteriori frammenti di quelli ritrovati.

La stessa Soprintendenza – che è l’unica Autorità titolata ad assumere provvedimenti in materia- non ha posto sotto sequestro il cantiere per l’edificazione del Centro VGA ma ha posto sotto tutela l’area del rinvenimento e le Forze dell’Ordine collaborano per la tutela della medesima.

Il Sindaco ha già preso contatto con il Sovrintendente, Dott. Luigi Malnati, al fine di accelerare i tempi della presa in consegna dei beni e del loro restauro, perchè possano essere restituiti il più presto possibile alla Città di Cattolica.

Questa Amministrazione Comunale si ritiene davvero fortunata per avere avuto il privilegio, in questi tre anni, di partecipare alla scoperta e al recupero delle anfore greco italiche alla nuova darsena, dei reperti di Via Carlo Marx presso la proprietà Pritelli e, infine, a quest’ultimo rinvenimento che contribuisce ad arricchire il patrimonio storico e archeologico della nostra Città nonché a dare un contributo nuovo e notevole alla ricerca e agli studi sulle origini di Cattolica.
Si potrebbe, in un certo senso, affermare che quest’ultima scoperta ripaghi con qualche anno di ritardo l’iniziativa che l’Amministrazione Comunale di Cattolica mise in atto un decennio fa, allorquando dispose che nell’area che oggi ci riguarda si desse vita ad una complessa e articolata campagna di scavi dell’ammontare di 20 milioni di Lire (di cui il 50% finanziato dalla Regione Emilia Romagna) che fu predisposta dalla Direttrice del nostro Museo, dott.sa Luisa Stoppioni ed effettuata dalla Ditta Tecne e che, purtroppo, non diede i risultati sperati.

Gia allora, nel dispositivo della Delibera della Giunta Municipale (n. 933 del 18.12.1996) si leggeva che il terreno sito in via Indipendenza, di fronte alla Torre dell’Acquedotto, sta restituendo da anni, in occasione delle arature e dei lavori agricoli, materiale archeologico di varia tipologia pertinente alla prima e media età romano-imperiale. …… La frequenza dei frammenti laterizi, costituiti per il 90% da tegole e coppi, oltre che la tipologia degli arredi rinvenuti, ha fatto supporre la presenza di una necropoli. Un recente sopralluogo, tuttavia, ha evidenziato una discreta frequenza di ciottoli fluviali, forse di fondazioni, che potrebbero allargare il campo delle ipotesi alla presenza di una costruzione, per esempio un rustico, o che più semplicemente consentirebbero di supporre l’esistenza di un vero e proprio recinto funerario.

Credo di interpretare il sentimento di tutto il Consiglio Comunale e dell’intera città ribadendo la soddisfazione per questo ritrovamento che offre un’ulteriore occasione di studio e di conoscenza sulle origini e la storia di Cattolica e che offre inoltre un’ulteriore opportunità per arricchire il progetto e la proposta di turismo culturale che ha caratterizzato, particolarmente in questi ultimi anni, l’operato dell’Amministrazione Comunale.

Pubblicato in Cattolica | Commenti disabilitati

MangiarSano 2007 – Montefiore Conca

Con l’arrivo dell’autunno a Montefiore Conca si torna a parlare, ma soprattutto a degustare, i prodotti della migliore tradizione agro-alimentare italiana ed emiliano romagnola in particolare.

Sabato 6 e domenica 7 ottobre, tornerà per il settimo anno consecutivo Mangiar Sano, la manifestazione voluta da Pietro Cipriani (attualmente vicesindaco del Comune di Montefiore Conca) e organizzata grazie alla collaborazione di IMC –Istituto Mediterraneo di Certificazione.

Mangiar Sano nasce con l’obiettivo di far conoscere al consumatore le peculiarità dei prodotti agroalimentari italiani di qualità con particolare riferimento ai prodotti da “Agricoltura Biologica”, DOP-IGP, marchi regionali e privati. Sono stati diversi gli argomenti trattati nelle edizioni precedenti: dalla pasta ai cereali, dal pane ai formaggi, per questa settima edizione gli organizzatori tornano a puntare l’obiettivo sulla carne, ampliando il discorso intrapreso nell’edizione dedicata alla Mora Romagnola, ed astendendolo a diverse tipologie di bestiame e inserendo il consumo della carne di qualità nel dibattito contemporaneo sul consumo di carne nell’alimentazione di oggi.

Sin dalla prima edizione infatti la caratteristica peculiare di Mangiar Sano è quella di unire momenti di approfondimento e riflessione con altri di conoscenza dei prodotti, questo percorso ha portato nella scorsa edizione a proporre la formula della “tavola rotonda a tavola”, esperienza che si ripeterà domenica 7 ottobre a partire dalle ore 13.00 presso il tendone ristorante dove Franco Desiderio (Oncologo presso Ospedale “Infermi” di Rimini), Cesare Dacci(Veterinario referente Consorzio Valorizzazione Mora Romagnola), Sergio Benedetti (responsabile di Zootecnia Biologica per IMC srl) e Luigi Rusconi (Cardiologo, vicepresidente Associazione Amici del Cuore di Riccione), interverranno sul tema “La carne nella corretta alimentazione e i rischi alimentari, la tutela delle razze in via di estinzione e i vantaggi dell’allevamento biologico ”. Il dibattito si svolgerà durante il pranzo degustazione allestito con la collaborazione dell’Istituto Alberghiero Malatesta, a base di carne di Bovino di razza Romagnola, Suino di razza Mora Romagnola, Ovina a marchio “QC Agnellone e Castrato”. Il menù sarà preparato con i tagli di carne “poveri” molto spesso poco utilizzati ma di grande qualità.

Sabato sera, 6 ottobre, invece sarà in scena la cena con degustazione guidata a base di Salumi di Mora Romagnola presidio Slow Food, Carni da Agricoltura Biologica di Vacca razza Romagnola, di suino Mora Romagnola presidio Slow Food, di Agnellone e Castrato marchio QC Emilia Romagna, accompagnati da verdure di stagione, Pane e Piada da Agricoltura Biologica e Vini DOC della Provincia di Rimini.

Sabato e domenica non mancheranno stand gastronomici, mostre, esposizioni, spettacoli oltre a un selezionato mercatino di prodotti biologici, tipici e dell’artigianato locale.
Presso la sala degli archi, residenza municipale di Montefiore Conca, dalle 10 alle 20 saranno visitabili una MOSTRA FOTOGRAFICA a cura di G. Badioli e un’esposizione di ARTIGIANATO ARTISTICO LOCALE a cura di P. Galluzzi.

Sempre dalle 10.00 la Pro Loco di Montefiore Conca proporrà le prime caldarroste e piadine, mentre nella mattinata arriverà in paese il raid a cavallo dell’Ass.ne Nazionale Giacche Verdi, mentre nel pomeriggio, a partire dalle 15.00, l’associazione storica di Ravenna “Quelli del Ponte” allestirà una dimostrazione di arti e mestieri antichi e sempre a partire dalle 15 la musica di Antidotum Tarantulae scalderà l’atmosfera. I più piccoli presso il teatro Malatesta troveranno “Il Piccolo Teatro delle Marionette (ore 15.30 e ore 17,30) e il Raccontafavole (ore 16.30) a cura di Una Goccia per il Mondo Ass. ONLUS.

Per la prima volta si attiva in occasione di Mangiar Sano la collaborazione con l’Istituto d’arte F. Fellini, con una performance artistica dei suoi insegnanti e allievi, che saranno anche a disposizione dei bambini per un divertente gioco creativo, così come la ceramista Katiuscia Capitani (cortile della chiesa parrocchiale) aspetterà i piccini che vorranno cimentarsi a creare opere d’arte con l’argilla.

Mangiar Sano è organizzato con la collaborazione di:
Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Rimini
Romagna Acque Società delle Fonti spa
Istituto Alberghiero “S. P. Malatesta” Riccione
Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini
Associazione Amici del Cuore (O.N.L.U.S.)
Istituto Statale d’Arte “F. Fellini” Riccione
Lions Valle del Conca
Slow Food Forlì – Cesena

Informazioni e Prenotazione degustazioni
Comune di Montefiore Conca
Tel 0541-980035 fax 0541-980206 dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00

Dott.ssa Barbara Marani o Rag. Corrado Mancini
utribmontefiore@email.it – www.comune.montefiore-conca.rn.it

Istituto Mediterraneo di Certificazione
Dott Lucio Faragona – Tel-fax 0541-693586 – l.faragona@imcert.it

Link correlati: Scoprite i Comuni dell’entroterra Portale turistico di CattolicaGuide ed itinerariBlog della Riviera Adriatica

Pubblicato in Montefiore | Commenti disabilitati

Gran premio del Biciclo Ottocentesco a Fermignano (PU)

Sono i bicicli, antesignani della moderna bicicletta, i protagonisti dell’originale corsa che si tiene da ben 23 anni a Fermignano, ridente cittadina marchigiana a pochi passi da Urbino, celebre per aver dato i natali al sommo architetto Donato Bramante e per i suoi monumenti: il ponte e l’imponente torre romana. Il “Gran Premio del Biciclo Ottocentesco” è una vera e propria gara tra le sette contrade della cittadina pesarese che si sfidano, lungo le vie del centro storico, per aggiudicarsi l’ambito trofeo.

L’idea di questa manifestazione, che non trova riscontro in nessun paese del mondo, nacque e prese consistenza nell’ambito della Pro Loco fermignanese nel 1966. A partire da questa data, per alcuni anni venne disputato nel mese di luglio un “Gran Premio” unico nel suo genere, che riscosse in breve un clamoroso successo di pubblico e un interesse vivissimo in Italia e all’estero. Dopo un periodo di appannaggio e completo abbandono, oggi i vecchi bicicli, oliate le grandi ruote un po’ arrugginite dal tempo, rivivono da vent’anni questa straordinaria gara ogni prima domenica di settembre.

A 110 anni dall’ideazione di questo antesignano della moderna bicicletta, i concorrenti con indosso i caratteristici costumi di fine secolo, in sella ai velocipedi si contendono il “Biciclo d’oro”, il trofeo posto in palio per quella che a buon diritto può dirsi la più originale corsa sui leggiadri cavalli d’acciaio.

A contendersi il podio sono le sette contrade: Cà L’Agostina, Calpino, La Pieve, La Torre, San Lazzaro, San Silvestro, Santa Barbara.

Sulla gara vige un rigido e severo regolamento. Il percorso, da percorrere due volte, è di 3056 metri. Vengono effettuate tre batterie eliminatorie, ciascuna di sette partecipanti. Il primo e il secondo di ogni batteria disputeranno la finale, seguita lungo tutto il percorso da attenti giudici.

La locale Pro Loco, supportata dal comune, tiene in vita questa suggestiva manifestazione prevista, anche per quest’anno, per il 1° e 2 di settembre, ovviamente nel centro storico di Fermignano.

Per l’intero week-end sono previste mostre, sfilate storiche, spettacoli, animazione e degustazioni di prodotti tipici locali.

Infolinee: 0722.330523 www.proloco-fermignano.it

Ufficio Stampa: Samuele Sabatini 329.6236574

Scoprite gli eventi di Cattolica e le tendenze della Riviera!

Pubblicato in Rassegne | Commenti disabilitati

Escursioni trekking nell’entroterra romagnolo

L’Associazione Guide Appennino Romagnolo comunica le prossime escursioni per il mese di Agosto per fare trekking in mezzo alla natura nel nostro entroterra romagnolo.

Il 18/19 agosto un trekking di due giorni nell’Appennino della Alta Valle del Savio. I pernottamenti saranno in tenda (per chi ne fosse sprovvisto, l’Associazione GAR può provvedere !). La meta saranno i Laghi Pontini il primo giorno e la Testa del Leone il secondo. Le prenotazioni dovranno pervenire entro il 14/08.
Maggiori informazioni sul seguente trekking sono disponibili nal seguente link: http://www.guidegar.it/pdf/e18-190807.pdf

Il 24/08 escursione notturna nel nostro immediato entroterra; il castello di Albereto ci accogliera’ nelle sue storiche mura, offrendo un panorama spettacolare.
Maggiori informazioni sono disponibili sul seguente sito: http://www.guidegar.it/pages/scheda240807n.htm

Il 26 agosto trekking sul crinale dei Mandrioli. Dal Passo dei Mandrioli (mt 1173) l’alta Val Savio sembra un immenso anfiteatro devastato da forze titaniche: “la catena dell’Appennino – scrisse Alfredo Oriani – appare grandiosamente da ogni parte, creste nude, fianchi scoscesi e deformi, che si urtano rientrando l’uno nell’altro quasi in un tumulto di tempesta subitamente pietrificata”. Oggi il paesaggio arido che Oriani nel 1897 attraverso’ in bicicletta e’ in pieno rigoglio: salendo, i boschi diventano piu’ incombenti ed il verde degli abeti si alterna a quello piu’ chiaro dei faggi.
Maggiori informazioni su questo trekking sono disponibili al seguente sito: http://www.guidegar.it/pdf/e260807.pdf

Pubblicato in Info Alberghi | Commenti disabilitati

Formaggio di fossa di Mondaino

L’estate sulla Riviera Romagnola è in pieno svolgimento e gli operatori turistici fanno a gara nel proporre ai graditi ospiti le occasioni più svariate per rendere la vacanza unica, irripetibile e indimenticabile.
Anche la collina e l’entroterra di Romagna, tuttavia, non restano a guardare, facendo fiorire qua e la iniziative di primissimo piano: storia, gastronomia, relax, agriturismo, fattorie e cantine aperte, musei, percorsi cicloturistici, sagre, ecc. ecc.
Fra esse, si sta distinguendo quella lanciata dal Mulino della Porta di Sotto di Mondaino, divenuto celebre in questi anni per la produzione di pregiato formaggio di fossa e per essere sede del Centro Dantesco San Gregorio in Conca.
Lo slogan dell’iniziativa è “Adotta un formaggio pecorino e riceverai una fossa!” ed il gioco consiste in questo: si sceglie uno dei formaggi (circa un chilo) che il mulino produce in primavera e stagiona all’aria (non in cella frigorifera!), ormai pronto per scendere nella fossa durante il Palio del Daino (16-19 agosto). Pio ci si affida ad una grande “Ruota dei nomi”, su cui sono stati riportati decine di nomi maschili e femminili, per vedere su quale di essi si ferma l’indice della Fortuna: quello sarà il nome con cui il formaggio andrà in fossa per risorgere a novembre (“Festa della sfossatura di Mondaino”), purgato di sali e grassi: la principale caratteristica di tale formaggio è quella di espellere durante i tre mesi una grande quantità di colesterolo, per di più arricchendosi di fermenti lattici e calcio.
E per chi non amasse la “Ruota dei sogni”, sono sempre disponibili i dadi del dantesco “Gioco della zara!”.
Dopo di che, la direzione del Mulino rilascia ai “Genitori” del formaggio un “certificato d’adozione”, che riporta il nome sorteggiato, autenticandolo battendovi con il martello (come nel Medioevo!) uno speciale timbro a secco, che riproduce il “soldo” di Mondaino, raffigurante lo stemma comunale con un daino rampante (bello da collezionare).
A questo punto, il formaggio viene sigillato nell’apposito sacchetto di cotone, stampigliandovi il nome sorteggiato e non resta che attendere di vederlo uscire dalla fossa (per chi non potrà partecipare alla sfossatura, la direzione del Mulino provvede a conservarlo in confezione sottovuoto per un anno e senza alcun aggravio di spesa. L’emozione è veramente grande ed unica!
Oltre al carattere ludico dell’iniziativa, ne va sottolineato quello economico e sociale, innanzitutto poiché l’adozione consente un risparmio notevole fra il costo del formaggio all’infossatura (euro 19,88) e quello alla sfossatura (euro 28). Ad accorrere al Mulino sono soprattutto i giovani ed in particolare le coppiette, che con l’adozione esperimentano il loro affiatamento sentimentale, provano l’emozione di dare un nome ad un “figlio” adottivo e si garantiscono un’occasione per ritornare in autunno a Mondaino, che si è ormai imposto nell’essere uno dei più affascinanti castelli della provincia di Rimini .

Pubblicato in eventi Cattolica, Info Alberghi | Commenti disabilitati

Assedio al Castello di Gradara

“ASSEDIO AL CASTELLO 2007” – 20, 21 e 22 LUGLIO 2007

 

Anche quest’anno le truppe di Federico da Montefeltro e di Francesco Sforza si stanno
preparando per mettere sotto assedio il Castello di Gradara, mentre i valorosi Gradaresi assieme al loro Signore Sigismondo Malatesta si stanno preparando per affrontare e respingere le truppe nemiche.

La ricostruzione del celebre assedio del 1446 sarà uno degli eventi più attesi dell’estate in riviera e Gradara si sta preparando ad accogliere l’invasione (quella vera!) di turisti che accorreranno ad assistere all’ineguagliabile spettacolo pirotecnico di venerdì 20 luglio che aprirà le 3 giornate medioevali di Gradara.

Lo spettacolo piro-musicale di venerdì 20 luglio, che inizierà alle ore 22,15, sarà anche
quest’anno assolutamente gratuito, mentre per assistere alle giornate medioevali di sabato e domenica con spettacoli, animazioni, figuranti e artigiani sarà richiesto un biglietto di 4 euro. Un piccolo obolo se paragonato alle numerose attrazioni in programma che darà diritto, tra l’altro, a uno sconto del 10% su qualsiasi acquisto in uno dei negozi o cena in qualche ristorante convenzionato del centro storico.

“Sono tante le sorprese di questa terza edizione di “Assedio al Castello”, afferma Franca
Foronchi, Sindaco di Gradara, “prima tra tutte un piccolo assaggio di quello che diventerà,
prossimamente, lo spettacolo piro-musicale: non “soltanto” un enorme e sofisticato spettacolo con fuochi, musica e luci sincronizzati ma un “cinespettacolo”, un film in diretta con figuranti ed effetti speciali che racconteranno la VERA storia dell’Assedio. Per quest’anno verrà introdotto un piccolo allestimento con la ricostruzione dell’accampamento dell’esercito assediante e un “narratore” che racconterà al pubblico come si sono svolti i fatti. Per adesso non vi svelo altro… ma aspettatevi grandi sorprese!”

Anche quest’anno lo spettacolo verrà trasmesso in diretta su Radio Icaro (frequenze 90,00 e 92,00); sarà quindi possibile vedere i fuochi d’artificio da casa o in macchina ascoltando alla radio la maestosa colonna sonora e il racconto della battaglia. Domenica sera, a concludere i 3 giorni di festa, ci sarà il “Memorial Elmo De Biagi” la grande festa della Corte Malatestiana di Gradara dedicata al suo storico fondatore. La Piazza Mancini, il parcheggio sotto le mura del castello, farà da coreografia agli spettacoli degli sbandieratori di San Sepolcro, alle acrobazie dei mangiafuoco di Gradara e agli splendidi abiti della Corte Malatestiana.

ANCHE I CASTELLI FANNO SOGNI… DI PIETRA?

Dopo secoli di battaglie e dopo aver ricoperto un ruolo centrale nelle strategie
politicomilitari del territorio circostante il Castello di Gradara riposa, ora, sulla sommità del colle, dominando, come una sentinella di pietra, la valle sottostante fino al mare.

Immersa nel suo sonno imperturbabile, la Rocca è soltanto vagamente consapevole delle
migliaia di visitatori che giungono ogni anno ad ammirare i suoi bastioni e le sue ampie sale che ancora conservano la memoria di violente passioni.

A volte, però, il sonno di Gradara si agita e si anima delle immagini di guerrieri, di battaglie vinte e perdute, di amori e tragedie; questi ricordi riescono a prendere forma grazie al fuoco, che riaffiora dalle pietre, mute testimoni dalla storia, dove è rimasto scolpito per secoli. è il fuoco delle passioni che per intere generazioni hanno impregnato ogni singolo mattone mescolandosi alla calce e rendendo la Fortezza sempre più tenace; è il fuoco della guerra e delle armi che hanno tentato di aprire una breccia nelle solide mura senza mai riuscirci; è la somma delle passioni umane succedutesi nei secoli che hanno donato una vita propria alle pietre inanimate.

Quando il sonno di Gradara si fa leggero, e riaffiora la memoria, allora le pietre sentono il bisogno di urlare, di gridare al mondo che cosa erano e che cosa rappresentavano, e raccontano con inaudita violenza la loro Storia.

Si, anche i Castelli sognano, e quando lo fanno la terra trema, l’aria si riscalda e si riempie del fragore del tuono.

Aprite il programma completo dell’Assedio al Castello di Gradara (circa 300 Kb) .

Come arrivare in bus

Partenze da Riccione e Misano
Agenzia MOBILITA’ Rimini linea 125, scendere a Cattolica fermata Via Mazzini per coincidenza con Bus Autolinee Adriabus n. 80-130. Il biglietto rilasciato dall’Agenzia MOBILITA’ resterà valido per l’andata fino a Gradara, per il ritorno il biglietto rilasciato dalle Autolinee Adriabus sarà valido fino a Riccione.
Partenze da Cattolica e Gabicce
Servizio Adriabus tutti i giorni con passaggi ogni 20/30 min. fermate abituali. Servizio bus per il ritorno fino alle ore 00,35

Pubblicato in Gradara | Commenti disabilitati